La Scuola




I monaci aprirono una scuola per elevare il livello socio-culturale dei bambini dei villaggi nel 1996. Il Vescovo offrì ancora una volta un terreno di 5 acri a tale scopo e D. Andrea Pantaloni si dimostrò molto interessato a questo progetto. Per sua iniziativa, la Conferenza Episcopale Italiana (CEI) diede un consistente contributo per iniziare i lavori in progetto. Con questo contributo si poté iniziare la costruzione dell’edificio e provvedere all’apertura di un pozzo, a fornire di corrente elettrica e munirsi di tutti i permessi necessari e dotare le aule di banchi, di sedie… Dietro nostra richiesta, l’Abbazia di Ealing in Inghilterra promise un contributo annuo per completare il progetto. Purtroppo la burocrazia indiana ostacola l’esercizio sereno di questa scuola. Rimangono ancora tante cose da fare. Il Signor Stefano Pantaloni attualmente si impegna a raccogliere fondi per l’educazione umana e civile dei bambini. Con il suo contributo è stato fatto un campo sportivo per i bambini. 


Gli alunni insieme al monaco preside della scuola

Nel 2002, per iniziativa di un giovane monaco, viene fondato un Centro di computer con due PC per introdurre gli alunni alla mGli insegnanti della scuolaoderna tecnologia. Gli alunni cattolici sono in minor numero e i più poveri. Alcuni godono di adozione a distanza. Si spera che questa scuola, attualmente situata in un ambiente rurale,possa diventare una “sorgente di luce” per la regione Centro-Sud dell’India e un forte centro educativo secondo la tradizione benedettina.